• 081-1874-83-87
  • info@ganapoletano.it

Category ArchiveConferenze

La terrazza inferiore dell’Acropoli e il santuario: vecchi scavi, nuovi dati

Lunedi 12 novembre alle ore 18.00 presso la nostra sede in Via San Liborio,1 si terrà l’incontro/dibattito “La terrazza inferiore dell’Acropoli e il santuario: vecchi scavi, nuovi dati” a cura del dott. Francesco Nitti.

 

Dopo le esplorazioni ottocentesche della rocca di Cuma, il 2 maggio del 1910 iniziarono i primi scavi sulla terrazza inferiore dell’acropoli, sotto la direzione di Ettore Gabrici. Dopo più di un secolo, i materiali frutto di questo primo scavo, riposti nei depositi del Museo Archeologico Nazionale di Napoli e scampati ai bombardamenti del secondo conflitto mondiale, rivedono la luce. Uno scavo agli albori della moderna disciplina archeologica, eppur foriero di nuovi dati e interessanti problemi

Conferenza: Pompei, nuove scoperte sui programmi elettorali

Lunedì 05 novembre 2018 ore 18.00 presso la nostra sede in via San Liborio,1 – 80143 Napoli, si terrà l’incontro dal titolo ” Pompei. Nuove scoperte sui programmi elettorali” a cura del dott. Michele Stefanile.

Le numerose epigrafi elettorali, incise e dipinte sui muri di Pompei, ci dicono che gli amministratori municipali offrivano al popolo spettacoli nel teatro e nell’anfiteatro, e che questi spettacoli davano lavoro a molti “stagionali”. Inoltre, si sistemavano strade e edifici pubblici: e così si creavano altri “posti” di lavoro. Spettacoli e attività edili venivano finanziati dagli amministratori che, quando entravano in carica, mettevano a disposizione della città una sostanziosa somma di danaro…Come diceva l’on. Cocchetelli, si trova sempre chi si sacrifica per il bene della comunità…..

Conferenza (29 ottobre): Riti e miti nel mondo agricolo

Lunedì 29 ottobre ore 18.00 presso la nostra sede si terrà l’incontro dal titolo ” Riti e miti nel mondo agricolo” a cura del prof. Francesco Chiappinelli.

RITI  E MITI  DEL MONDO  AGRICOLO
Sulle tracce del Ramo d’oro di James Frazer cercheremo di comprendere le radici profonde di alcuni riti agricoli e dei miti greci e romani che ne sono derivati, spesso oggi non facilmente decifrabili. Seguirà una disamina inevitabilmente sommaria dei calendari ateniese e romano che ci aiuterà a scoprire le profonde differenze originarie tra due mondi religiosi che il sincretismo ellenistico avvicinerà senza mai colmarle del tutto.

Conferenza (22 ottobre 2018): Arabia – un viaggio archeologico

Lunedì 22 ottobre alle ore 18.00 presso la nostra sede in via San Liborio,1 – 80143 Napoli si terrà l’incontro “Arabia: un viaggio archeologico” tenuto dalla dott.ssa Alessia Piccirillo.

Si può dire che il Regno dell’Arabia Saudita di Ibn Saʻud sia relativamente giovane se paragonato agli stati medievali europei, tuttavia le sue radici penetrano ben oltre lo strato di sabbia che oggi ricopre la maggior parte della penisola. È proprio l’avanzare del deserto che delinea sin dalle prime battute lo svilupparsi di una società unica nel suo genere. Dopo una breve introduzione della storia più recente dell’Arabia Saudita faremo un passo indietro e partendo dalle più antiche testimonianze, attraverso gli occhi degli antichi viaggiatori ma soprattutto alla luce delle più recenti ricerche archeologiche, delineeremo i tratti salienti della storia e della cultura araba. La lotta per la sopravvivenza in un territorio sempre più arido porterà le varie culture a riunirsi e stringersi nelle oasi, fulcro di un nuovo sistema economico che fiorirà in quello più ampio delle vie carovaniere. Le varie entità politiche venutesi a creare saranno tuttavia riunite nel VII secolo quando nascerà una delle potenze che ancora oggi regna sovrana in Arabia Saudita: l’islam. Dal Paleolitico all’avvento dell’islam seguiremo un percorso archeologico per parlare della storia, della lingua dell’economia , dell’arte di questa terra meravigliosa.

Conferenza: Il regno di Aksum dalle origini al Cristianesimo

Conferenza lunedì 15 ottobre 2018 alle ore 18.00 presso la nostra sede in Via San Liborio,1 a Napoli.

L’incontro dal titolo “Il regno di Aksum: dalle origini al cristianesimo” sarà tenuto dalla dott.ssa Maria Francesca Paone.

Aksum è il nome del regno che si forma nei territori dell’odierna Eritrea e dell’altopiano etiopico nel I millennio a.C. Esso gioca un ruolo molto importante nei traffici commerciali lungo il Mar Rosso e, con la sua ascesa, si hanno la fioritura delle arti, la conazione di una propria moneta ed infine la conversione al cristianesimo.

Il Regno di Aksum dalle origini al Cristianesimo

 

Conferenza (01 ottobre 2018): Kush: civiltà della media valle del Nilo

Lunedì 01 ottobre 2018 ripresa dei cicli di conferenze settimanali.

Prima conferenza incentrata sulla civiltà di Kush, che abito la media valle del Nilo in contemporanea alla formazione delle prime dinastie egizie a partire dal 3100 a.C. ca.

Relatrice la dott.ssa Maria Francesca Paone.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti a sedere

(28 maggio 2018) Lo sviluppo economico dell’Africa proconsolare in età tardo-antica

Lunedì 28 maggio ore 18.00 presso la nostra sede, si terrà l’incontro di discussione dal titolo “Lo Sviluppo economico dell’Africa proconsolare in età tardo-antica” a cura di Alessandro Cinquegrana.

Nel medio e tardo impero si assiste all’affermarsi sui mercati mediterranei delle merci africane, grano e olio soprattutto, che dopo un periodo di costante crescita nel corso del I e II secolo, fanno registrare un predominio generalizzato nel Mediterraneo. Il primato delle merci africane venne determinato soprattutto dal fatto che le regioni nordafricane produttrici di derrate alimentari furono da quel periodo strettamente legate a Roma dai vincoli dell’annona urbana e militare.

Il grande impulso dato dagli imperatori flavi, da Traiano e Adriano all’organizzazione dei territori gravitanti attorno ai grandi porti di Cartagine nella Zeugitana e di Hadrumetum nella Byzacena, innestato su un nuovo e peculiare sistema di produzione, si risolse in breve tempo con un notevole accrescimento del peso politico e poi economico delle province africane e da uno stravolgimento degli assetti socioeconomici dei mercati consumatori.

(21 maggio 2018) La missione archeologica dell’Unior a Manqabad (Asyut)

Lunedì 21 maggio ore 18.00 si terrà la conferenza “La missione archeologica dell’Unior a Manqabad (Asyut)” a cura della prof.ssa Ilaria Incordino (Unior).
 
Un reportage diretto sulla metodologia di scavo adottata nel contesto della campagna di scavo e quali sono stati i reperti ritrovati.
 
La conferenza è aperta a tutti

(14 maggio 2018) Calcante, Briseide, Diomede, Troilo…: tutt’altre storie!

Lunedì 14 maggio 2018 h 18.00 presso la nostra sede in Via San Liborio, 1 – 80143 Napoli si terrà la conferenza:
 
“Calcante, Briseide, Diomede, Troilo…: tutt’altre storie!” a cura del prof. Francesco Chiappinelli
 
Da Omero a Shakespeare alla…canzone napoletana un insospettabile e affascinante percorso letterario ridisegna completamente queste famose figure del mito
 
La conferenza è aperta a tutti senza obbligo di prenotazione.

(07 maggio 2018) Il deserto orientale: sulle tracce dei suoi abitanti

Lunedì 07 maggio 2018 alle ore 18.00 presso la nostra sede in Via San Liborio, 1 – 80143 Napoli si terrà la conferenza “Il deserto orientale: sulle tracce dei suoi abitanti” a cura di Maria Francesca Paone.

Il Deserto Orientale ha sempre avuto un ruolo importante nelle dinamiche che hanno caratterizzato, fin dall’epoca più antica, sia il Sudan che l’Egitto. Esso ricopre la vasta area situata tra la Valle del Nilo e la catena montuosa dei Red Sea Hills e la costa del Mar Rosso. La sua importanza ci è nota grazie alle fonti antiche che ci informano sia della sua ricchezza mineraria, vista l’alta concentrazione di miniere d’oro e di pietre preziose, sia della sua rilevanza in relazione alla sua posizione geografica, essendo attraversato da importanti piste che mettono in comunicazione le regioni settentrionali con quelle più meridionali e anche gli abitanti della Valle con i porti situati lungo la costa del Mar Rosso.

L’occupazione del deserto è attestata fin da tempi remoti ad opera di quelle genti che oggi vengono genericamente chiamate “abitanti del Deserto Orientale”. Le notizie che abbiamo su quest’ultimi sono davvero scarse e, in molti casi, confuse. Buona parte delle informazioni, che abbiamo a disposizione su di loro, provengono dalle fonti scritte esterne, soprattutto quelle egiziane, greco-romane, aksumite e poi arabe. Come evidenziato dalle ricerche archeologiche degli ultimi anni, invece, questi popoli ci hanno lasciato molte tracce della loro presenza, specie per quanto riguarda la ceramica, l’arte rupestre e l’architettura funeraria.

Translate »