• 081-1874-83-87
  • info@ganapoletano.it

Category ArchiveConferenze

Conferenza (01 ottobre 2018): Kush: civiltà della media valle del Nilo

Lunedì 01 ottobre 2018 ripresa dei cicli di conferenze settimanali.

Prima conferenza incentrata sulla civiltà di Kush, che abito la media valle del Nilo in contemporanea alla formazione delle prime dinastie egizie a partire dal 3100 a.C. ca.

Relatrice la dott.ssa Maria Francesca Paone.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti a sedere

(28 maggio 2018) Lo sviluppo economico dell’Africa proconsolare in età tardo-antica

Lunedì 28 maggio ore 18.00 presso la nostra sede, si terrà l’incontro di discussione dal titolo “Lo Sviluppo economico dell’Africa proconsolare in età tardo-antica” a cura di Alessandro Cinquegrana.

Nel medio e tardo impero si assiste all’affermarsi sui mercati mediterranei delle merci africane, grano e olio soprattutto, che dopo un periodo di costante crescita nel corso del I e II secolo, fanno registrare un predominio generalizzato nel Mediterraneo. Il primato delle merci africane venne determinato soprattutto dal fatto che le regioni nordafricane produttrici di derrate alimentari furono da quel periodo strettamente legate a Roma dai vincoli dell’annona urbana e militare.

Il grande impulso dato dagli imperatori flavi, da Traiano e Adriano all’organizzazione dei territori gravitanti attorno ai grandi porti di Cartagine nella Zeugitana e di Hadrumetum nella Byzacena, innestato su un nuovo e peculiare sistema di produzione, si risolse in breve tempo con un notevole accrescimento del peso politico e poi economico delle province africane e da uno stravolgimento degli assetti socioeconomici dei mercati consumatori.

(21 maggio 2018) La missione archeologica dell’Unior a Manqabad (Asyut)

Lunedì 21 maggio ore 18.00 si terrà la conferenza “La missione archeologica dell’Unior a Manqabad (Asyut)” a cura della prof.ssa Ilaria Incordino (Unior).
 
Un reportage diretto sulla metodologia di scavo adottata nel contesto della campagna di scavo e quali sono stati i reperti ritrovati.
 
La conferenza è aperta a tutti

(14 maggio 2018) Calcante, Briseide, Diomede, Troilo…: tutt’altre storie!

Lunedì 14 maggio 2018 h 18.00 presso la nostra sede in Via San Liborio, 1 – 80143 Napoli si terrà la conferenza:
 
“Calcante, Briseide, Diomede, Troilo…: tutt’altre storie!” a cura del prof. Francesco Chiappinelli
 
Da Omero a Shakespeare alla…canzone napoletana un insospettabile e affascinante percorso letterario ridisegna completamente queste famose figure del mito
 
La conferenza è aperta a tutti senza obbligo di prenotazione.

(07 maggio 2018) Il deserto orientale: sulle tracce dei suoi abitanti

Lunedì 07 maggio 2018 alle ore 18.00 presso la nostra sede in Via San Liborio, 1 – 80143 Napoli si terrà la conferenza “Il deserto orientale: sulle tracce dei suoi abitanti” a cura di Maria Francesca Paone.

Il Deserto Orientale ha sempre avuto un ruolo importante nelle dinamiche che hanno caratterizzato, fin dall’epoca più antica, sia il Sudan che l’Egitto. Esso ricopre la vasta area situata tra la Valle del Nilo e la catena montuosa dei Red Sea Hills e la costa del Mar Rosso. La sua importanza ci è nota grazie alle fonti antiche che ci informano sia della sua ricchezza mineraria, vista l’alta concentrazione di miniere d’oro e di pietre preziose, sia della sua rilevanza in relazione alla sua posizione geografica, essendo attraversato da importanti piste che mettono in comunicazione le regioni settentrionali con quelle più meridionali e anche gli abitanti della Valle con i porti situati lungo la costa del Mar Rosso.

L’occupazione del deserto è attestata fin da tempi remoti ad opera di quelle genti che oggi vengono genericamente chiamate “abitanti del Deserto Orientale”. Le notizie che abbiamo su quest’ultimi sono davvero scarse e, in molti casi, confuse. Buona parte delle informazioni, che abbiamo a disposizione su di loro, provengono dalle fonti scritte esterne, soprattutto quelle egiziane, greco-romane, aksumite e poi arabe. Come evidenziato dalle ricerche archeologiche degli ultimi anni, invece, questi popoli ci hanno lasciato molte tracce della loro presenza, specie per quanto riguarda la ceramica, l’arte rupestre e l’architettura funeraria.

(23 aprile 2018) – La Sibaritide tra Greci e Indigeni nella fase pre-coloniale

sibaritideLunedì 23 aprile 2018 alle ore 18.00 presso la nostra sede in Via San Liborio,1 – 80143 Napoli (nei pressi di Piazza Carità) si terrà la conferenza:

“La Sibaritide tra Greci e Indigeni nella fase pre-coloniale”

a cura di Francesca Somma

SINTESI

Prima dell’ondata colonizzatrice che investì il sud della penisola a partire dall’VIII sec. a.C., la presenza greca in occidente era fortemente attestata e certamente legata a movimenti, i cui intenti erano sì commerciali ma già di natura più complessa, riferibili prima ai naviganti micenei, poi fenici ed euboici. Al momento del proprio arrivo i prospectors greci entrano in contatto con una realtà che, seppur ancora in evoluzione, si caratterizza come fortemente protesa ad uno sviluppo urbano vero e proprio, constante di fisionomia e caratteri precisi, riferibili a gruppi umani immersi nel processo di formazione iniziato nella media età del Bronzo e ancora in corso. In questo quadro Francavilla Marittima rappresenta un caso di studio interessante poiché fornisce indicazioni riguardo l’organizzazione protostorica dei centri indigeni della Sibaritide e poiché consente l’analisi dei contatti con le genti euboiche, prima della colonizzazione achea, secondo una modalità che non può semplicemente inquadrarsi nelle dinamiche commerciali ma suggerisce piuttosto una presenza stanziale dell’elemento allogeno, aprendo scorci interessanti sul senso di appartenenza che questo incontro comporta nella mentalità indigena, fino alle conseguenze della colonizzazione di Sibari nella seconda metà dell’VIII a.C.


La conferenza è aperta a tutti, senza obbligo di prenotazione

(16/04/2018) La scrittura cuneiforme: evoluzione e tecniche

Lunedì 16 aprile 2018 ore 18.00 presso la nostra sede in Via San Liborio, 1 – 80143 Napoli (Nei pressi di Piazza Carità) si terrà l’incontro-conferenza dal titolo “La scrittura cuneiforme: evoluzione e tecniche” a cura della dott.ssa Virginia Cara Girardi.

Questa presentazione si propone di tracciare una breve storia dell’evoluzione del sistema scrittorio più antico a oggi conosciuto, utilizzato per veicolare lingue tra loro molto diverse. Partendo dalle origini della scrittura cuneiforme, si analizzeranno i passaggi fondamentali che ne hanno caratterizzato lo sviluppo. Ci si soffermerà sui supporti grafici e le diverse tipologie testuali, fondamentali per la comprensione della versatilità di tale sistema grafico, in quanto veicolo per la diffusione dell’ideologia e della cultura nella Mesopotamia antica.

La conferenza è aperta a tutti!

(09/04/2018) Un tempio ellenico tra le rovine del Palazzo minoico di Festos. Storia di uno scavo italiano a Creta

Lunedì 9 aprile ore 18.00 presso la nostra sede in Via San Liborio,1 – 80143 Napoli si terrà la conferenza “Un tempio ellenico tra le rovine del Palazzo minoico di Festos. Storia di uno scavo italiano a Creta.”, relatrice dott.ssa Federica Iannone.

Individuato nelle prime campagne di scavo condotte da Luigi Pernier nel sito di Festos agli inizi del ‘900 e poi nuovamente indagato da Vincenzo La Rosa nel 1992, il cosiddetto “tempio di Rhea” ha rappresentato nella storia degli studi un punto di riferimento per la conoscenza della città di Festos in età storica. 
Collocato a ridosso del Palazzo Minoico quando questo era in stato di rudere, sulla sommità della terza acropoli, il tempio, datato in età arcaica da Pernier e La Rosa, sarebbe rimasto in uso fino all’età ellenistica, costituendo anche in questo periodo storico un punto nevralgico della città.

La ripresa di tutta la documentazione fotografica, grafica e dei taccuini di scavo nonché lo studio delle strutture murarie esistenti ha condotto a nuove considerazioni su questo edificio e ne ha rimesso in discussione l’individuazione del culto e la cronologia; quest’ultima ancorata attualmente ai materiali provenienti dai saggi La Rosa.

Questo lavoro si inserisce nell’ambito del “Progetto Festos” che nasce dall’esigenza di ampliare la conoscenza dell’abitato della città cretese attraverso l’indagine, in senso diacronico, delle forme di occupazione e dello sviluppo urbano della città dal periodo post-minoico fino all’epoca proto-bizantina. 
In quest’ottica, il riesame della documentazione archeologica e bibliografica ha consentito un corretto inquadramento di quelle strutture che hanno rappresentato un punto focale della ricostruzione delle fasi di età storica di Festos, come il cosiddetto tempio di Rhea.

(26 marzo 2018) Calcante, Briseide, Diomede, Troilo…: tutt’altre storie!

Lunedì 26 marzo 2018 h18.00 presso la nostra sede in Via San Liborio, 1 – 80143 Napoli si terrà la conferenza:

“Calcante, Briseide, Diomede, Troilo…: tutt’altre storie!” a cura del prof. Francesco Chiappinelli

Da Omero a Shakespeare alla…canzone napoletana un insospettabile e affascinante percorso letterario ridisegna completamente queste famose figure del mito

La conferenza è aperta a tutti senza obbligo di prenotazione.

(19/03/2018) La Campania tra Greci e Indigeni nell’età del Ferro

Lunedì 19 marzo 2018 alle ore 18.00 presso la nostra sede si svolgerà la conferenza dal titolo “La Campania tra Greci e Indigeni nell’età del Ferro” a cura di Francesco Nitti.

I centri proto-urbani villanoviani, le comunità indigene della “Fossakultur”, l’arrivo dei Greci sulle coste campane, gli scambi di oggetti e di idee: i secoli IX e VIII a.C. costituiscono per la Campania l’alba di un nuovo mondo. Un viaggio attraverso le dinamiche del popolamento della Campania antica e le relazioni, talora pacifiche, talora violente, che si instaurarono nel corso dell’Età del Ferro tra i centri afferenti alle diverse culture. Superata l’idea di scontro tra Greci e indigeni, visti come due realtà contrapposte, il record archeologico ci conduce ad intravedere la creazione di una realtà profondamente diversa e sfumata… una realtà ibrida, una “cultura di frontiera”.

La conferenza è aperta a tutti

Translate »