Marianella


LA VILLA ROMANA DI CUPA MARFELLA A MARIANELLA

Prossimamente continuano le operazioni per rendere fruibile il sito archeologico (per l’ubicazione del sito cliccare qui)

Alla metà degli anni ottanta furono portati alla luce i resti di un insediamento agricolo romano in località Cupa Marfella a Marianella.
L’edificio rinvenuto ha una pianta rettangolare di m. 30,70 x m. 34,70 che si sviluppa intorno ad un cortile centrale, con una serie di strutture abitative e di lavoro che si dispongono su tre lati, mentre il quarto è delimitato soltanto da un muro di cinta, con l’ingresso principale al complesso (lato Est). Sul lato Ovest si apre un ingresso secondario, mentre intorno al cortile, sui lati Nord, Sud ed Est, si è rinvenuto un portico, affiancato, a Nord ed a Sud, da due ambienti rettangolari (alae), con un semplice pavimento in terra battuta, probabilmente di servizio.
L’area abitativa propriamente detta è costituita da una serie di ambienti posti sul lato Ovest. Quest’edificio presenta delle fondazioni molto profonde, che fanno supporre la presenza di un piano superiore.
La struttura è costruita in opera reticolata, che fornisce una datazione, insieme ai reperti ceramici ivi rinvenuti, al I sec. d.C.; la villa sembra sorta sui resti di una precedente villa di età repubblicana. La zona è stata comunque frequentata in epoca tardoantica e medioevale.
Dal punto di vista tipologico la pianta di quest’insediamento agricolo è molto simile ai modelli descritti nei trattati di architettura ed agronomia di Catone, Varrone e Vitruvio. Un altro esempio di pianta simile al nostro si ha sempre in Campania, a Boscoreale, con la villa rustica di Asellius.

Durante lo scavo vennero rinvenute diversi reperti in ceramica sigillata italica di produzione napoletana, a pareti sottili e da cucina. La presenza di tali reperti è dovuta soprattutto all’intenso dilavamento da parte delle acque pluviali che hanno comportato abbondanti e significativi rinvenimenti più antichi, pertinenti ad edifici anteriori e successivamente inglobati nei riempimenti che hanno rialzato il livello d’uso al momento della costruzione della villa. Presenti anche materiali più recenti che testimoniano la continuità di occupazione della zona anche in epoche successive.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Inline
Se ancora non lo hai fatto, seguici sulla nostra pagina facebook!
Inline
Se ancora non lo hai fatto, seguici sulla nostra pagina facebook!